Notizie Recenti
 

Le narrazioni di Antonio /3: Asti, diario di bordo
Mercoledì 16 Dicembre 2015 22:57
Sabato 12 Dicembre 2015
Una data che occuperà sicuramente un posto importante nella bacheca dei trofei e nella storia del Club Scherma Chivasso. Le protagoniste sono tre ragazze che disputano non una, ma ben due gare nella stessa giornata e a distanza di mezz'ora l'una dall'altra. Chiara-Marzia-Sara, il trio delle meraviglie, così ci piace chiamarlo. Non è quello del Barcellona calcistico certo, ma per noi vale molto di più.
La prima gara da disputare è quella di spada: non c'è storia nel girone, tre vittorie su tre, tutte concluse a 45 e tutte vinte senza concedere più di 25 punti alle avversarie.
Prima di entrare più nello specifico, bisogna obbligatoriamente spendere due parole per queste ragazze.
Chiaretta in questa stagione si è dedicata principalmente alla spada perdendo un po' di tecnica riguardo al fioretto. Marzia e Sara, invece, continuano la loro crescita in quest'arma e provano, allo stesso tempo, a migliorarsi nella spada.
Detto questo torniamo alla gara.
L'inizio è positivo, tanto che la statistica, alla fine dei gironi, dice prime a pari merito con lil Club di Novara. Il primo posto in graduatoria è affidato quindi al sorteggio elettronico, che pone la nostra squadra al secondo posto in classifica, nonostante la stessa differenza tra stoccate date e ricevute anche queste alla pari con le ragazze del club Novarese. Saltata di diritto la prima diretta bisognava affrontare subito la semifinale a causa del limitato numero di partecipanti alla gara. Considerata alla fine la vera finale, questa sfida comporta la sconfitta per le nostre ragazze che, nonostante la grande difficoltà, riuscivano anche a passare in vantaggio tra il sesto ed il settimo incontro. Ma il risultato sul tabellone alla fine è chiaro, 45 a 39 per le avversarie. Col morale a terra ma con la consapevolezza di averci provato fino alla fine, si va a preparare la sfida per l'ultimo posto sul podio. Le avversarie componevano una squadra già affrontata e battuta nel girone. Come a volte capita, la storia si ripete: il risultato è di 45 a 22 e terzo posto è conquistato più che meritatamente.
Conclusa la gara, esattamente alle 14:30, il tempo per riposarsi è poco; dopo solo mezz'ora comincia la gara di fioretto. La competizione è diversa ora che il bersaglio è diverso, ora che il punto doppio non vale più, ora che serve una reazione, dopo il terzo posto conquistato nella gara precedente con la consapevolezza che quella semifinale poteva essere la finale e che avrebbe potuto regalare un oro più che meritato.
Il numero della pedana è sempre lo stesso, il 2. Nella gara sono incluse sia squadre femminili che maschili e questo la rende ancora più interessante e stimolante. Le ragazze disputano un girone incredibile, battono addirittura una squadra di ragazzi 43 a 3. Il risultato finale, per la definizione della classifica per le dirette, riporta tre vittorie su tre e primo posto che, ora, non viene più chiesto di decretare al computer.
Anche qui la prima diretta viene saltata di diritto e si va direttamente in semifinale. Una sfida ad alta tensione, tanto che viene vinta con la priorità, all'ultimo respiro.
Manca ora un solo sforzo per vincere la finale contro una squadra avversaria dotata di un gran potenziale. Si comincia bene, si passa in vantaggio, si allunga sugli avversari (è una squadra maschile per giunta con un elemento molto bravo che mette in difficoltà le nostre ragazze fino all'ultimo assalto). Durante il settimo tempo però le cose iniziano a complicarsi e i nostri avversari agguantarono il pareggio. Il finale è da brivido; dopo un vantaggio di 42 a 40 la squadra maschile riesce a portarsi avanti. A quel punto il tabellone dice 43 a 42 per i nostri avversari con un minuto e cinquanta a disposizione per recuperare e possibilmente vincere. Passate di nuovo in vantaggio, l'ultima stoccata è eccezionale, un’esplosione di gioia, uno scarico incredibile di tensione e di adrenalina. Il tabellone luminoso, illustra chiaramente il 45-43: l'oro è finalmente conquistato.

In questa giornata il lavoro di squadra si è rilevato fondamentale in entrambe le gare, la grinta incredibile di Sara, l'intelligenza tattica di Chiara e l'applicazione tecnica di Marzia, sono state eccezionali (e avrebbero potuto essere determinanti anche nella gara di spada). E’ nel fioretto che si è proprio evidenziato il lavoro di equipe. Consapevoli del fatto che Chiaretta aveva perso un po' di tecnica in quell'arma, Saretta e Marzia sono riuscite ad ogni incontro ad acquisire sempre più distacco per permettere alla loro compagna di disputare gli assalti con la giusta dose di tranquillità e sicurezza.
Un giusto e meritato risultato per tre ragazze che ogni settimana dedicano impegno e sforzo (fisico e mentale) nello sport che le appassiona e che le porta a dare tutto in palestra e nelle competizioni.
Sicuramente non sarà l'ultimo successo e sicuramente non sarà la loro ultima soddisfazione in questo Club che ha come principali caratteristiche il rispetto, l'amicizia e l'affiatamento, la dedizione, la fatica e la consapevolezza di fare parte di un gruppo di persone disponibili ed eccezionali.

ANTONIO. Diario Di Bordo.            

 
Tre sole fanciulle al comando: Marzia, Chiara e Sara!
Lunedì 14 Dicembre 2015 23:43
La giornata di sabato 12 dicembre si sono svolti ad Asti i campionati piemontesi a squadre di spada e fioretto. Il Club Scherma Chivasso schierava le tre moschettiere Marzia Cena, Chiara Fuoco e Sara Garofalo nella categoria Ragazze-Allieve, accompagnate dai due giovanissimi e infaticabili istruttori: Andrea Cambursano e Antonio Strazzeri.
La gara di spada comincia alle 8,30 e le nostre atlete iniziano il girone affrontando nel primo assalto l’Accademia Scherma “Marchesa” di Torino, uscendone vincitrici con il risultato di 45 a 39. Nel secondo assalto incontrano una delle tre squadre del “Michelin Sport Club” di Collegno e, con relativa facilità, terminano l’assalto con un più che lusinghiero risultato: 45 a 26. Concludono i gironi incontrando infine la squadra del Circolo Scherma “Giuseppe Delfino” di Ivrea con 19 punti di distacco.
Al termine del gironi, le fanciulle chivassesi si ritrovano prime nella classifica provvisoria, a pari merito, per numero di stoccate date e ricevute, con la squadra del “Pietro Micca” di Biella. Risultato che consente loro di saltare il primo incontro di eliminazione diretta. Purtroppo all’assalto successivo contro la temutissima squadra del “Pro Novara Scherma” le nostre atlete escono a testa alta dopo un combattutissimo scontro con il risultato finale di 45 a 39. Peccato, ma i complimenti da parte della squadra avversaria non sono mancati, vista la costanza e la risolutezza con le quali le chivassesi hanno dato filo da torcere fino all’ultima stoccata. A fine gara proprio le novaresi conquisteranno il gradino più alto del podio, mentre le nostre atlete si fermano a una meritatissima medaglia di bronzo.

Neanche un’ora di riposo e le ragazze iniziano la gara a squadre di fioretto. La gara è mista quindi con una difficoltà in più: la presenza in gara anche di squadre maschili...
Nel gironi incontrano dapprima la squadra maschile del “Club Scherma Associati” di Costigliole D’Asti e qui le chivassesi conquistano la vittoria con un perentorio 45 a 3. In seconda battuta la sfida è con una delle tre squadre del Club Scherma Torino, l’assalto è vinto col risultato di 45 a 33. Alla fine dei gironi le chivassesi sono nuovamente prime nella classifica provvisoria e tale risultato apre loro le porte della semifinale contro l’altra squadra del Club Scherma Torino. L’assalto è davvero all’ultima stoccata. Un testa a testa che porterà le due squadre al risultato di parità e che quindi richiederà l’ulteriore minuto di recupero per definire la quadra vincitrice. Qui prevarrà la calma e l’attenzione di Marzia, chiamata a chiudere l’assalto, che mettendo l’ultima stoccata permetterà alla squadra di approdare all’ambitissima finale.
Le chivassesi vanno a vedersela coi ragazzi dell’Accademia Scherma “La maschera di ferro” di Pinerolo. Le ragazze non demordono, con pazienza e calma, una stoccata dopo l’altra, fronteggiano gli avversari davvero preparatissimi. Una costanza che le porterà a chiudere l’assalto piazzando la 45esima stoccata della vittoria dando seguito agli utilissimi consigli di Andrea e Antonio orgogliosissimi istruttori al seguito.
Naturalmente grande gioia salendo sul gradino più alto del podio, un risultato meritatissimo creato anche dalla sincera amicizia che lega le tre ragazze e tutto il Club Scherma Chivasso, perché il segreto di sì tanti successi è alla fine tutto lì!
 
Campionesse al Trofeo CONI di Lignano
Lunedì 28 Settembre 2015 15:50

28/9/2015
Il weekend scorso si è svolto a Lignano Sabbiedoro il Trofeo CONI, dove le delegazioni di ogni Regione hanno partecipato in diverse discipline sportive, in una sorta di mini Olimpiade. Il Club Scherma Chivasso, nella categoria Ragazze di fioretto, schiera le ormai note CENA Marzia e GAROFALO Sara, portacolori della scherma piemontese, insieme al duo di spadisti di Biella.
Nella mattinata di venerdì si è svolta la gara delle nostre chivassesi che, mettendo in campo tutta la loro grinta, hanno conquistato la medaglia d’oro, primo successo del medagliere piemontese. Al successo hanno contribuito anche la forte intesa che c'è tra le due schermitrici, dote importantissima nelle gare con formula a squadre, come è stato organizzato il trofeo CONI.
Questo risultato, che già da solo bastava a rendere orgoglioso tutto il Club Scherma Chivasso, ha contribuito al successo del Piemonte, che si aggiudica il primo posto tra tutte le Regioni partecipanti.
Un ottimo inizio di stagione per il Club Scherma Chivasso, che come ogni anno lavora per la formazione dei ragazzi nel rispetto dei valori più alti dello sport, mettendo avanti a tutto il divertimento e la voglia di stare insieme.

Fino alla fine di ottobre è possibile provare la scherma, presso le palestre dell’I.I.S. Europa Unita, per un mese gratuitamente. Accetta la sfida!!!

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 Succ. > Fine >>

Pagina 5 di 5

logo image
Sondaggi
Come sei arrivato sin qui?
 
Chi è online
 35 visitatori online
Archivio
Banner